Analisi degli spessori

Nelle strutture in plastica, ottenute principalmente per iniezione in stampo (injection moulding), la rigidezza del component finito dipende, oltre che dalla quantità di materiale utilizzato e dalle sue caratteristiche meccaniche, soprattutto dalla geometria del componente stesso.

Oggigiorno, la spinta alla riduzione del peso, fortemente sentita nel settore automotive, ha spinto i progettisti a realizzare strutture geometricamente complesse, dense di nervature di rinforzo che consentono di ottenere componenti estremamente rigidi e, nel contempo, molto leggeri. Tuttavia, la spinta a realizzare nervature sempre più sottili porta con sé alcuni aspetti di forte criticità:

  • difficoltà di riempimento, dovuto all’elevato rapporto superficie/massa nelle aree a parete sottile;
  • ritiri localizzati molto accentuati, in fase di raffreddamento del componente, che creano difetti estetici (risucchi) e, talvolta, rotture per tensioni residue;
  • deformazioni totali del componente; dovuti alla scarsa comprensione del fenomeno di ritiro durante la solidificazione su componenti complessi e fortemente tridimensionali (es: corpi faro automobilistici)

La spinta alla riduzione degli spessori è continua e, per tale approccio meccanico, la Tomografia industriale rappresenta una tecnica di interessante applicazione.

Un Unilab sappiamo applicare la tecnica tomografica per lo studio di questi aspetti.

Per ulteriori informazioni o delucidazioni in merito CONTATTACI!

CORSI DI FORMAZIONE: Metrologia

Video