Prove iniziali di tipo (UNI EN 1090-2)

    Prove UNI EN 1090-2 Prove UNI EN 1090-2

    Unilab Laboratori Industriali s.r.l. è un laboratorio che effettua i test per la certificazione di prodotti per impieghi strutturali secondo UNI EN 1090, essendo in grado di soddisfare autonomamente le diverse specifiche richieste dalla normativa, in particolare la determinazione delle caratteristiche meccaniche e dimensionali definite dalla classe di esecuzione richiesta. Nello specifico, il laboratorio offre la possibilità di certificare le seguenti categorie di lavorazioni soggette a controllo e valutazione per la marchiatura CE: - Taglio Termico e Taglio Meccanico (determinazione della durezza delle superfici libere e dei valori di rugosità e perpendicolarità della superficie interessata dal taglio).
    - Esecuzione di Fori (rilevazione della dimensione del foro ottenuto e valutazione delle modalità di esecuzione, determinazione di conicità del foro e durezza del materiale in corrispondenza del taglio).
    - Saldature (controlli non distruttivi per la valutazione della saldatura mediante esami visivi e controlli con liquidi penetranti).

     Normativa                                                                                  

    La UNI EN 1090 è inquadrata all’interno delle specifiche europee che richiedono e definiscono le caratteristiche prestazionali di componenti metallici in acciaio e alluminio per impieghi strutturali, anche se utilizzati per la produzione di materiali compositi e strutture in cemento. Nello specifico, essa definisce i requisiti per la valutazione di conformità per la marchiatura CE di componenti metallici da costruzione, in termini di caratteristiche meccaniche e geometriche. La certificazione secondo UNI EN 1090, obbligatoria dal 1 Luglio 2014, non è solamente rivolta ai produttori diretti di tali componenti, ma anche a coloro che immettono nel mercato kit di assemblati ad uso strutturale. Campo di Applicazione
    I componenti soggetti a certificazione sono tutti i “prodotti da costruzione”, ossia qualsiasi prodotto o kit fabbricato e immesso sul mercato per essere incorporato in modo permanente in opere di costruzione o in parti di esse e la cui prestazione incide sulla prestazione delle opere stesse nei confronti dei requisiti di base. Non solo, anche prodotti da costruzione intesi come insieme di almeno due componenti distinti che devono essere assemblati per essere installati nelle opere di costruzione devono essere soggetti al controllo per la soddisfazione dei requisiti normativi richiesti. Pertanto, devono essere sottoposti ad accertamento funzionale tutti i prodotti che interessano le opere di costruzione nel loro insieme, definite come “tutto ciò che è costruito o che risulta dalle attività di costruzione e che è fissato al suolo” (edifici e opere di ingegneria civile). Soggetti Interessati
    La norma è rivolta in particolar modo al “fabbricante”, inteso come “persona fisica o giuridica che fabbrichi un prodotto da costruzione o che faccia progettare o fabbricare tale prodotto e lo commercializzi con il suo nome o con il suo marchio”. Infatti, l’immissione di prodotti sul mercato da parte di imprenditori e distributori che utilizzino il proprio nome o marchio o che modifichino un prodotto già immesso sul mercato in misura tale da poterne influenzare la conformità alla dichiarazione di prestazione vengono considerati da tale normativa alla stregua di un fabbricante. Classi di Esecuzione (EXC)
    Secondo le norme vigenti, le opere di costruzione sono concepite e realizzate in modo da non mettere a repentaglio la sicurezza delle persone, degli animali domestici o dei beni e da non danneggiare l'ambiente. La UNI EN 1090 introduce il concetto di Execution Class (EXC), in termini di requisiti specifici classificati per l'esecuzione di un opera nel suo complesso, di un singolo componente o di un dettaglio di un componente. A tale proposito, la norma seleziona e specifica il livello di qualità appropriato, relazionato alla sicurezza che quel componente avrà nell’opera di costruzione. La normativa prevede l’identificazione di quattro distinte classi di esecuzione (EXC1, EXC2, EXC3,EXC4) alle quali fare riferimento nella valutazione delle conformità dei componenti, definite in base all’affidabilità del componente (classi di conseguenza o Consequence Class, CC) e i potenziali rischi ad esso correlati, legati a loro volta al rischio che ne comporta l’installazione (Service Categories, SC) e alla complessità di esecuzione del componente (Production Categories, SP); i criteri di scelta della EXC differiscono in funzione del materiale considerato e sono definiti nelle sezioni 1090-2 (componenti in acciaio) e 1090-3 (componenti in alluminio). La determinazione della EXC dovrebbe essere fatta dal progettista, in collaborazione con ilproprietario delle operare in costruzione e tenendo conto delle disposizioni nazionali; qualora non venisse definita nessuna classe di esecuzione verrà applicata la EXC2 (rif. 4.1.2 EN 1090-2). In relazione alla EXC, varieranno frequenza dei controlli sul prodotto in questione e le competenze del personale coinvolto.

     

    Laboratorio prove

    Unilab

    Unilab - Monselice
    Via Umbria, 22 - 35043 Monselice (PD)
    Tel. 0429.781280
    Fax. 0429.784527

    Unilab - Rovigo
    Sede di Ceregnano (RO)
    Via Trieste, 906 - 45010 Ceregnano (RO)
    Tel. 0425.476834

    Iscrizione alla Newsletter

    Unilab© 2017 Unilab - Registro imprese: 2010 - REA PD 396611 | N. Camera di Commercio di PD: 03314040274 | N. Partita iva: 03314040274